Vedi alla voce Gran Libro

Per prima cosa iniziamo con i blah blah di rigore: si ringrazia sentitamente Random House UK, Cornerstone per l’ARC (advanced reader copy) di questo gran libro, tutto ciò non influenza in alcun modo il fatto che lo trovi un gran libro. Questo libro sarà disponibile su Amazon Italia a novembre, se lo volete prima cercatelo sul sito inglese.

Una premessa: adoro Anthony Horowitz, l’ho scoperto quando ho letto Magpie Murders, il libro che precede questo, e ho continuato ad amarlo di amore universale.

E’ un autore che scrive benissimo e scrive libri non propriamente usuali, o perlomeno i migliori sono piuttosto originali visto che sono metalibri: libri che parlano di libri e storie che contengono un’altra storia. La soluzione del mistero della storia (A) è contenuta nella storia (B). La storia (A) è contemporanea, la storia (B) è un omaggio all’epoca d’oro del giallo (o Golden Age of Mystery ossia le due decadi tra gli anni 30 e 50).

Tutto ciò può sembrare fumoso e complesso ma non lo è per nulla quando iniziate a leggere perchè sarete presi dalle due storie, cercherete di capire quali sono gli elementi importanti della storia (B) e vi godrete due storie avvincenti al prezzo di una.

Lo stile di scrittura è molto letterario ma, visto che Horowitz è un grande narratore (storyteller se volete il termine figo) vi troverete a leggere alle 2 di notte all’urlo di “Finisco il capitolo e poi smetto”.

Il mistero che non riesco a risolvere è perchè Horowitz non sia tradotto in italiano. E’ vero che oggi come oggi il letto italico medio vuole libri dove c’è il famoso narratore inaffidabile (*) o i gialli scandinavi dove tutti sono angosciati, ci vogliono 4 pagine di riflessione perchè si decidano a far qualsiasi cosa e sono sempre un pelino sfigati (**). Detto ciò, riflettendo un momento, non è del tutto vero perchè Manzini/Malvaldi/Camilleri vendono a carriolate.

Rimane pertanto un mistero perchè non sia tradotto (***) e me ne farò una ragione.

Nel frattempo lo coniglio caldamente

Vi informo che sto anche leggendo (con sentiti ringraziamenti agli editori):

  • L’ultimo di Ian Rankin, serie Ispettore Rebus (gran giallo)
  • The Doors of Eden di Adrian Tchaikovsky (affascinante libro su mondi paralleli e cosa succederebbe se vi fossero commistioni tra i due universi)
  • Low Action di Adrian Cartel (il ciclo del Vynil Detective è sempre godibile per la commistione di giallo e mondo della musica, in questo caso il punk)

(*) A me il narattore inaffidabile piace poco perchè fa mancare una delle parti più divertenti del leggere un giallo: il mettere assieme i pezzi e risolvere il puzzle.

(**) Libera interpretazione mia, l’unico autore che mi piace è Verena Sten (casualmente non tradotta pure lei) autrice dei gialli di Sandham. Sono molto più leggeri anche se pure loro ci mettono due pagine a decidersi ad andare in bagno.

(***) Anche se fosse tradotto non è detto che arrivi al popolo visto che anche Elly Griffith/Ruth Ware/Tana French sono stati tradotti ma non è che senta urla di giubilo elevarsi ai loro nomi. E parliamo di gente che ha vinto l’Edgar, il massimo premio letterario per il mystery

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...