Pesanti esigenze tennologiche

Succede che leggi di iphone e problem di sveglie.

Succede che ti fai una grande risata (AHAHAHAHHA) primo perchè sei in ferie e la cosa non ti tocca, secondo perchè domani dovrebbe funzionare di nuovo tutto.

Succede che ti infili in uno di quei tunnel femminili detti “Fare lo henne” e hai bisogno di un suonatorio che scatti dopo 30 minuti.

Succede che tutti gli ammenicoli suonatori che possiedi siano o cellulari aziendali (Vade retro ad accendere adesso) o Iphone.

Succede che AAAAAAAAARGH (sottofondo di esaltanti invocazioni di pantheon zoroastrici che coi tori si va sempre bene)

Succede che ti ricordi di avere un Android e non è legato a numeri particolari e blah blah.

Acceso, settato, funziona.

E poi ditemi che la tennologia non ci influenza la vita nei minimi particolari (*)

(*) Oppure son io che son particolarmente geek (il termine giusto sarebbe fissata credo, ma manteniamoci sul colto ed impegnato)

Pronto Google? Via Po per favore

Ripasso sul Google Mobile Blog quanto ho letto in giro circa 300 volte:

“The new Google Mobile App for iPhone makes it possible for you to do a Google web search using only your voice. Just hold the phone to your ear, wait for the beep, and say what you’re looking for. That’s it. Just talk. Once the App is on, you don’t have to push any buttons to search. Check out the video below to watch engineer Mike LeBeau explain how this works.

After you speak your query, Google Mobile App will return search results formatted for your iPhone.”

Ho avuto un attimo d’incertezza ed ho visualizzato quando segue:

Me ,Persa dalle parti di Madonna di Campagna, che fa numero di telefono di Google. TU-TU-TU. Cade la linea perchè il PadrePioPhone fa splendidamente tutto tranne telefonare.

Me riprova. TUUU-TUUU

TAC, suono di linea agganciata.

Me [col tono metallico che usa quando parla con i cosi automatici]: “Pronto Google, sono in via Cardinal Guglielmo Massaia 71 Torino, destinazione Corso Vittorio Emanuele II 23”

Risponditore [con spiccato accento californiano] “HOLD ON! We are working on your request”.

Le maiuscole non sono casuali. Dirà proprio HOLD ON col caps.

Me che fischietta sperando che non cada la linea.

Risponditore californiano: “Your data are being sent to your mobile”

Me si mette in attesa.

Cellulare fa elab-elab-elab. Possono succedere le seguenti cose:

  1. Il coso automatico non capito na mazza della destinazione o della via di partenza, tipo che vi siete dimenticati il Guglielmo, e vi fa partire da Trofarello al posto di Torino Nord.
  2. Vi siete dimenticati di dire Torino e  e vi spedisce le indicazioni per Roma
  3. La trasmissione funziona a cacchio e vi trovate la mappa a metà
  4. Cade la linea mentre state dando info. Vi arriveranno le mappe di San Francisco
  5. Altro che dipende da quanta urgenza avete di ottenere quei dati.

Nel frattempo avrete speso 5 euro e vi si sarà scaricata la batteria.

Nota: la via del titolo non c’entra nulla ma “Corso Vittorio Emanuele Secondo” non ci stava

Boh, titolo

Per la serie “sono a casa che m’annoio” ed ho in mano questo giocattolo fighetto.

Proviamo a vedere cosa posso fare col giocattolo. Qualcosa tipo proviamo wordpress.

Avendolo adesso provato e scoperto che funziona in maniera decente,posso dire di avere compiuto un grande passò: adesso si potra’ scrivere post ovunque si sia.

Ci sono posti dove continua ad essere meglio la Settimana Enigmistica ma questo era sottinteso.

[Aggiunta del giorno dopo da comoda tastiera]

  1. Il toolino è carino per prendere appunti o tirare giù bozze su idee al volo. Una sorta di Moleskine sul telefono. Poi se volete mettervi a scrivere post mentre siete in treno o in una noiosissima riunione è un altro paio di maniche
  2. A meno che abbiate problemi fisici, tipo una periartrite, una normale tastiera continua ad essere più comoda del touch per scrivere
  3. E’ pochissimo intuitivo capire come si pubblichi. E’ abbastanza chiaro il resto ma pochissimo il fatto che il giochetto funziona utilizzando gli stati
  4. Rileggere è un conto, rileggere e vedere impostato un altro. Al momento non visualizza il post all’interno del template

Priceless

Comprare l’Iphone: XXX euro
Spiegare a mia sorella perchè il più pubblicizzato tra i cell non riceva mms: PRICELESS

O Mission Impossible in alternativa

Coerenza femminile

iPhone 3G official pics, originally uploaded by momentimedia.

Fino a ieri il mio privcell si resettava ogni 2-3 giorni. Era ancora accettabile considerati i due anni di onorato servizio senza problemi.

Oggi ha iniziato a farlo ogni 20 minuti.

R.I.P.

Del coso fotografato sopra ho sempre detto: “figurati, non lo prenderò di sicuro. No, no. Blah blah blah blah”.

Vi presento Vetinari Esmeralda, il mio nuovo cellurare.

Mai più senza

Quando ho letto la notizia che Youporn era stato ottimizzato per Ipod Touch e Iphone ho pensato “Un gran passo nella diffusione dell’autoerotismo mobile” ovvero nella diffusione della cosidetta “sega camminante”.

Sono perfettamente sicura che, qualcuno da qualche parte, sentisse la mancanza del poter vedere, magari in giro, cose tipo “i-love-stroking-your-hard-dick” o di “Charlotte gets a finger in her cute hot butt” (i titoli sono veri).

Quale sia il godimento di guardarsi le cose su un video circa 10×5 mi è ignoto. Di sicuro lascia molto spazio alla fantasia e all’immaginazione nel senso che da perfettamente l’idea di cosa stia succedendo ma, al tempo stesso, i particolari non puoi che immaginarteli perchè non li vedi proprio.

Praticamente paghi la connessione per proiettarti le immagini dello stesso film che potresti agevolmente farti in testa, a gratis, perchè tanto non si vede un accidente.

Questo si che è business.

Notizia trovata qui

Stili di vita e call centre

Il Corriere risponde alle domande che si pone Totentanz:

“È Ciro, 22 anni, impiegato in un call center del ministero della Pubblica istruzione, che nel centro Tim di piazza Colonna a Roma si è aggiudicato il tanto agognato Melafonino dell’azienda di Cupertino. «Scelgo l’iPhone perché è Apple – dice il ragazzo -. Ed Apple è uno stile di vita. Ma non è solo una questione estetica, l’iPhone è anche uno dei cellulari più avanzati che c’è al momento».